Polizza auto: RC, integrazioni e come risparmiare

Polizza auto, RC obbligatoria ed integrazioni come furto ed incendio, cristalli, tutela legale, infortuni al conducente per stare tranquilli!
assicurazione auto

La polizza di assicurazione autovetture “RC” (responsabilità civile) è un contratto assicurativo che gli automobilisti hanno l’obbligo di stipulare con una compagnia assicurativa. In seguito alla corretta stipula della polizza di assicurazione auto, la compagnia assicurativa si impegna a coprire i danni involontariamente provocati a terze persone o cose durante l’utilizzo del mezzo, entro i limiti del contratto.

Ricordiamo infatti che le polizze di assicurazioni auto coprono i danni solamente fino al massimale prestabilito e indicato in contratto, e che potrebbero esservi delle limitazioni legate al comportamento del conducente. Inoltre, come puoi facilmente verificare attraverso un preventivo assicurazione auto, ogni polizza ha un premio diverso, a seconda della combinazione di coperture / massimali incluse in contratto,  e a seconda delle politiche scelte dalle varie compagnie assicurative.

Polizza auto RC obbligatoria

Nel mondo delle assicurazioni online RC, così come nel più generale mondo dei preventivi assicurazione per l’auto, è fondamentale rammentare che la polizza RC è un contratto obbligatorio, che tutti coloro i quali sono proprietari  di un’auto devono sottoscrivere.

Si tratta di un’obbligatorietà ben evidente: attraverso tale previsione, infatti, lo Stato desidera assicurarsi che in caso di sinistro ci sia sempre – per il soggetto danneggiato – la possibilità di ottenere un risarcimento dei danni subiti. Una eventualità che, naturalmente, non sarebbe possibile in caso di sinistri particolarmente importanti, o nel caso in cui il soggetto danneggiante non abbia un patrimonio sufficiente per poter ripagare i pregiudizi sofferti dal danneggiato.

Considerato poi che in caso di sinistro con danni alle persone, il risarcimento può facilmente arrivare a toccare cifre particolarmente elevate, è dunque chiaro quanto sia importante ricorrere alla stipula di una polizza RC.

Ricordiamo inoltre che l’assicurazione auto RC, obbligatoria, tutela il veicolo anche quando questo è fermo o in sosta. E tutela altresì il proprietario – guidatore, quanto anche quelle ipotesi in cui alla guida del mezzo vi siano altre persone (salvo qualche eccezione, come ad esempio il furto denunciato del mezzo, con un sinistro provocato dal ladro).

Di contro, come vedremo quando ci occuperemo di integrazioni contrattuali, la polizza RCA non copre il guidatore che ha provocato l’incidente anche nel caso dovesse subire lui stesso dei danni. Sarà in questo caso necessario acquistare delle apposite coperture integrative ma… quali?

Polizza auto RC: integrazioni assicurazione

Come abbiamo avuto modo di ricordare, l’assicurazione auto obbligatoria è tale solamente riferita alla copertura della responsabilità civile (RC).

Da quanto sopra ne deriva che i contratti assicurativi possono ben introdurre delle altre clausole integrative e facoltative, che riguardino i c.d. “rischi diversi”.  Ma quali sono?

Sicuramente, tra le polizze più note nel comparto dei “rischi diversi” ci sono le coperture contro incendio e furto, che – come intuibile – tutelano il proprietario  del mezzo contro il pericolo della combustione del mezzo e della sua sottrazione da parte del malintenzionati.

Ci sono poi le coperture Kasko, per una tutela più ampia delle casistiche che potrebbero interessare la propria auto, così come quelle contro gli eventi naturali e atmosferici, gli atti vandalici e gli eventi socio politici. Molto frequente – anche per la sua sostanziale economicità – è anche la copertura sui cristalli, così come la formula di assistenza stradale e legale.

Chi poi preferisce tutelare la propria persona o, più in generale, chi si trova alla guida del mezzo, potrebbe optare per la copertura sugli infortuni del conducente. Ricordiamo infatti che la copertura assicurativa obbligatoria RCA tutela i terzi danneggiati, ma non certo il conducente! Dunque, estendere la copertura integrandola con la tutela sugli infortuni del conducente permette certamente di annoverare una maggiore serenità  durante la guida della propria auto.

Polizza RC: Bonus Malus

La maggior parte delle polizze di assicurazione di responsabilità civile in Italia poggia il proprio funzionamento sul meccanismo del Bonus Malus. Ma che cos’è?

In sintesi, il meccanismo fa sì che il costo del premio assicurativo di una polizza RC sia sempre diverso, anno dopo anno, a seconda del comportamento più o meno virtuoso del conducente. In altri termini, se il veicolo non ha provocato sinistri, il premio dovrebbe diminuire. Se invece il veicolo ha provocato sinistri, il premio dovrebbe crescere.

Ad ogni modo, il condizionale è d’obbligo. Il premio assicurativo può infatti essere impattato anche da altri elementi, tanto che difficilmente il costo della polizza RC rimane identico da un anno all’altro.

Il decreto Bersani e la RC familiare

Nel corso degli anni il mondo delle polizze RC ha subito numerose modifiche. Tra di esse, una delle più importanti – e agevolanti, per quanto concerne il titolare dei contratti – è quella introdotta dal decreto Bersani, che fino al 15 febbraio 2020 permetteva il trasferimento della classe di merito tra mezzi della stessa tipologia, e solamente se il veicolo viene assicurato per la prima volta all’interno del nucleo familiare.

In altre parole, nel caso di stipula di un nuovo contratto assicurativo da parte di persona che vive stabilmente in un nucleo familiare, la compagnia assicurativa non poteva assegnare una classe di merito più sfavorevole rispetto a quella che risulta dall’ultimo attestato di rischio conseguito per il veicolo già assicurato all’interno dello stesso nucleo, impedendo così che il neoassicurato fosse gravato da condizioni di ingresso evidentemente molto sfavorevoli.

Si tratta tuttavia di una previsione “passata”. Dallo scorso 16 febbraio 2020, infatti, i vantaggi del decreto Bersani sono estesi a tutti i veicoli, non necessariamente della stessa tipologia, di proprietà della stessa famiglia (la c.d. RC familiare).

In aggiunta a ciò, le ultime novità di legge hanno fatto si che si possa beneficiare della classe di merito più bassa anche per le altre polizze già attive, sia che si tratta di rinnovi con la propria compagnia sia che si stipuli una nuova polizza con altra compagnia assicurativa.